Buon riposo - vivi meglio

Sempre meno persone riescono a far fronte adeguatamente alle crescenti esigenze della fase di lavoro. Un punto è spesso trascurato: solo ben recuperati siamo mentalmente forti, ottimisti, motivati, comunicativi e pronti all'azione. In breve: potente. Stanco e bruciato ti fa star male. A lungo termine, aumenta il rischio di malattia. Tutti i prerequisiti per una vita lavorativa e di relazione soddisfacente e soddisfacente sono limitati. Ad esempio, coloro che hanno elevate capacità comunicative non possono svilupparli completamente se si sentono esausti.

La dinamica dello stress e del recupero

Molte persone hanno un senso di recupero che corrisponde al principio dell'interruttore della luce. Dopo la fine del lavoro, quindi l'opinione ingannevole, simile a un interruttore della luce, si ripristina automaticamente al tocco di un pulsante. Il capo o i clienti non ci sono più, non ci sono più lavori da fare, la pressione del tempo non c'è più. Ma la giostra nella testa continua a girare, cosa che irrita molti. Le relazioni più importanti tra stress e recupero sono:

  1. Il tipo e la durata della fase di stress si irradiano nella fase di recupero.
  2. Più dura e dura la fase di carico, più tempo ci vuole per riprendersi.
  3. Due poli caratterizzano il sovraccarico psicologico-mentale: in primo luogo, l'essere interno è troppo eccitato e teso. Secondo, energia e svogliatezza.
  4. Il nostro organismo intuitivamente sa come riprendersi dallo stress fisico. Vale a dire niente. Ad esempio, tutti trovano l'idea di fare jogging dopo un'estenuante corsa in bicicletta per recuperare l'assurdo. Questa conoscenza intuitiva è stata sviluppata e ancorata geneticamente negli ultimi millenni, durante i quali lo stress era prevalentemente di natura fisica. Ma il nostro organismo non sa intuitivamente come può risollevarsi dallo stress psicologico-mentale, poiché è ancora giovane nella storia umana.

Ciò che viene praticato professionalmente negli sport agonistici, vale a dire dare ai processi ricreativi la stessa importanza dei processi di stress, rimane bloccato nella vita di tutti i giorni nella fase amatoriale. Tutti cercano, come meglio può, di far fronte allo stress della fase di lavoro. Alcuni riescono, molti non lo fanno.

La rinascita delle virtù

Nella psicologia accademica statunitense, invece, solo una sorta di rivoluzione. Mentre gli psicologi hanno affrontato eventi negativi come le conseguenze di un'infanzia difficile, crisi traumatiche, ecc., Per decenni, ora stanno studiando questioni centrali della vita come:

  • Cosa ci dà forza ed energia nella vita?
  • Cosa ci aiuta a gestire al meglio le sfide professionali e personali?

Gli stessi scienziati erano sorpresi che le loro indagini portassero a risultati costantemente simili. Vale a dire il significato centrale delle "vecchie" virtù. Non solo ti rendono più soddisfatto e più resiliente a breve termine, ma attenuano anche gli effetti negativi dello stress a lungo termine. E hanno un effetto positivo sia nel tempo libero che nelle fasi di stress.

Senso e valori

Coloro che trovano un significato nel loro lavoro possono far fronte meglio alle pressioni che si verificano lì. Due esempi mostrano che è possibile trovare un significato nel proprio lavoro anche in circostanze difficili.

  • Un dipendente della raccolta dei rifiuti ha detto: "Senza di noi la nostra convivenza sarebbe insopportabile".
  • Una commessa di una grande catena di negozi svizzeri ha dichiarato: "La cosa migliore della mia professione è accompagnare le persone nella loro solitudine".

Entrambi hanno raggiunto qualcosa di prezioso. Vale a dire dare a un'attività piuttosto poco attraente un significato speciale. Vedono il loro lavoro in una luce positiva. Ciò li rende più resistenti - o in altre parole: il loro atteggiamento positivo agisce da tampone dello stress.

La più grande forza dell'essere umano: altri esseri umani

Per molte persone, le buone relazioni sono particolarmente importanti. Perché? Il neuroscienziato americano Robert Sapolsky fornisce informazioni. Ha usato campioni di sangue per esaminare i livelli di stress delle scimmie viventi del Serengeti. E fu sorpreso dal risultato stesso. Le amicizie sempre più durature avevano una scimmia, più profonda era la concentrazione degli ormoni dello stress nel sangue. Più si prendeva cura degli altri e gli altri si prendevano cura di lui, più sano e rilassato. Le amicizie attutiscono i fardelli della savana e del clan ogni giorno.

Questi risultati dimostrano che le amicizie sono state un programma efficace e geneticamente modificato per milioni di anni contro gli effetti nocivi della congestione che noi umani abbiamo ereditato dai nostri antenati. I contatti sociali sono un buon tampone di stress, promuovono la nostra guarigione dalla malattia e molto altro. Hanno anche un impatto maggiore sulla nostra vita rispetto ai fattori di rischio del fumo, dell'alcool, del sovrappeso o della mancanza di esercizio fisico. Nelle donne circa 2, 8 e negli uomini circa 2, 3 anni.

Il ruolo della gratitudine nel concetto di recupero

La ricerca della gratitudine ha prodotto una serie di ricerche interessanti negli ultimi anni. È stato particolarmente promosso da Sir John Templeton, fondatore del fondo azionario con lo stesso nome. Il nostro recupero dipende in modo cruciale dal modo in cui valutiamo eventi passati, attuali e futuri. Stiamo guardando indietro alle nostre vite soddisfatto e grato? O giudichiamo negativamente il nostro equilibrio della vita? Se giudichiamo negativamente il nostro passato, ci giudichiamo anche piuttosto negativamente. Perché siamo un po 'responsabili del nostro passato.

Inoltre, le emozioni negative aprono la porta alle nostre vite. E sentirsi male. Anche in relazione al nostro presente. Perché chi sta con il suo passato nella squadra, è difficile essere in armonia con la sua presenza. Tuttavia, chiunque scopra molto nel suo passato per cui è grato promuove sentimenti positivi nel presente. Semplicemente perché la gratitudine ci rende felici con noi stessi e le nostre vite.

Charles Dickens ha anche riconosciuto questo e raccomanda: "Ricorda le tue benedizioni attuali, che tutti hanno molte, e non le tue passate disavventure, ognuna delle quali ne ha alcune". E un piccolo miracolo accade, e improvvisamente scopriamo sempre di più rendere le nostre vite più vivibili e amichevoli, portando sempre più emozioni positive nella nostra vita, rendendoci più felici, più equilibrati e meglio recuperando.

Un atteggiamento di gratitudine distoglie la nostra attenzione da eventi stressanti e verso il lato positivo. E non è nemmeno legato ai consumi intermedi, che dovremmo fornire prima. Non abbiamo bisogno di esibirci per essere grati per gli aspetti positivi della vita. Inoltre, essere grato è un efficace antidoto contro interrogatori super-critici e guida permanente. Ci rende più facile lasciarci andare e sistemarci. Ciò promuove anche la nostra ripresa.

Gratitudine - un atteggiamento

Per essere grati, non abbiamo bisogno di aspettare che le cose siano perfette, o fino a quando qualcosa di molto speciale ci capita. Ma al contrario. La gratitudine non è tanto una reazione a una circostanza positiva, ma un atteggiamento che interiorizziamo nel tempo e che diventa una linea guida per le nostre vite.

Essere grati ci rende più aperti alle benedizioni della vita. Più siamo grati, più scopriamo ciò per cui possiamo essere più grati. O come dice un proverbio nigeriano: "Sii grato per poco e troverai molto". La chiave è nelle nostre mani.

Esercizio facile per la vita di tutti i giorni

Prendi dai 5 ai 10 minuti per il seguente esercizio. Pensa a una persona o a un evento per il quale sei grato. Intraprendi la situazione e fai attenzione ai sentimenti positivi che si risvegliano in te. Pratica 2-3 volte a settimana. È particolarmente utile quando esprimi gratitudine alle persone a te vicine.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento